Anche gli animali si annoiano

Un nuovo studio suggerisce che anche gli animali si annoiano. I ricercatori dell’Università di Guelph, in Canada, hanno monitorato il comportamento di 29 animali.  Alcuni di loro sono stati alloggiati in semplici gabbie di rete metallica per sette mesi. Gli altri, invece, hanno vissuto in gabbie identiche, ma con la possibilità di accedere ad un tunnel che spuntava su un grande spazio ricreativo in cui potevano arrampicarsi, correre, giocare con degli oggetti e immergersi nell’acqua. Ogni mese, inoltre, venivano sostituite le varie attività stimolanti. Iniziato l’esperimento vero e proprio, i ricercatori hanno poi sottoposto all’attenzione di questi animali una serie di nuove esperienze, come sbuffi d’aria, candele profumate e spazzolini da denti in movimento. A prescindere che lo stimolo risultasse per loro gratificante, stressante o indifferente, i ricercatori hanno scoperto che gli animali allevati in gabbie noiose mostravano un maggiore interesse per le cose nuove. Inoltre, questo li portava a mangiare di più, a rimanere più attivi ed a dormire di meno. Tutti ciò fa pensare che anche gli animali conoscono la noia. Obiettivo dei ricercatori è comprendere se veramente le varie creature del mondo animale si annoiano e, se sì, individuare una possibile soluzione grazie alla quale rendere la loro vita più soddisfacente.