Gli orsi polari, splendidi animali ed ottimi nuotatori

Gli orsi polari

Gli orsi polari, oltre ad essere degli splendidi animali, sono anche degli ottimi nuotatori.

Essi, infatti, possono percorrere a nuoto centinaia di km senza mai fermarsi, mentre possono rimanere sott’acqua per un massimo di un minuto. Vivono prevalentemente sui ghiacci del Mare Artico e si spostano sulla terra solo se costretti. Attualmente, in Canada si contano circa 15.000 esemplari. Gli orsi polari sono in cima alla catena alimentare, sono i più grandi carnivori terrestri del mondo e si nutrono principalmente di foche, trichechi, balene beluga e narvali. Un maschio adulto pesa di solito tra i 500 ed i 600 kg, la femmina tra i 200 ed i 300 kg ed i cuccioli alla nascita circa 0,6 kg. Le loro caratteristiche fisiche consentono a questi animali di vivere senza difficoltà nelle zone artiche anche per più di 25 anni. Il loro corpo, infatti, è ricoperto da uno spesso strato di grasso (“tessuto adiposo”) che li protegge dal freddo, consente loro di galleggiare in acqua e li fa sopravvivere durante i lunghi mesi di digiuno, anche durante la gravidanza. Il pelo bianco, invece, li aiuta a mimetizzarsi e li protegge dal freddo e dall’acqua durante le immersioni. Le loro zampe anteriori sono palmate, possono misurare fino a 16 cm di diametro ed agiscono sia come pagaie nell’acqua che come racchette da neve sulla terra o sul ghiaccio sottile. Il muso lungo permette loro di riscaldare l’aria fredda durante l’inalazione. Sia i maschi che le femmine raggiungono la maturità a quattro o cinque anni di età, ma la maggior parte dei maschi tende a non riprodursi prima di raggiungere gli 8-10 anni. Anche se gli orsi polari si accoppiano sul ghiaccio in primavera, l’ovulo fecondato raggiunge l’utero solo verso settembre-ottobre. Le femmine incinte trascorrono i loro due mesi di gravidanza in letargo all’interno di una tana. Di solito, partoriscono due gemelli, ma il numero dei cuccioli può variare da 1 a 3. Alla nascita i piccoli sono totalmente dipendenti dalla madre.

Fonte: articolo