Trovati curiosi insetti in alcune grotte spagnole

Nelle grotte Maestrazgo, nella regione di Teruel, in Spagna, dei ricercatori hanno trovato dei curiosi insetti, appartenenti alla specie dei collemboli. Queste antiche creature hanno 6 zampe piccole e primitive, sono sprovviste di ali e sono dotate di una coda che permette loro di saltare ed allontanarsi dai pericoli. E’ difficile vederle ad occhio nudo in quanto non superano i 6 millimetri di lunghezza. Le tre specie avvistate, Pygmarrhopalites maestrazgoensis, P. cantavetulae e Oncopodura fadriquei, sono molto diverse tra loro. Tutte hanno in comune code elastiche e pelose e corpi minuscoli, ma ad una di loro mancano gli occhi. Gli scienziati hanno in programma di studiare queste creature per capire come riescano ad adattarsi al freddo, all’umidità ed al buio delle grotte.

 

Queste ultime, infatti, si trovano a 2.000 metri di altezza, in zone isolate dove le temperature invernali raggiungono all’esterno i -40° ed all’interno i 5-11°. I collemboli, non potendo utilizzare la vista, hanno sviluppato una maggiore sensibilità chimica. I ricercatori affermano che studiare questi organismi, sopravvissuti ai vari cambiamenti climatici, in completo isolamento e per migliaia di anni, può risultare davvero molto utile.